Certificazioni

 

POLITICA INTEGRATA PER LA QUALITA’ E L’AMBIENTE

I management aziendali di C.I.S. SpA ed ECO CIS Srl sono impegnati per una crescita dell’azienda che tenga conto in primo luogo della soddisfazione del cliente, dei dipendenti, delle leggi e dei principi etici.

Credono che sia fondamentale, per il raggiungimento di questi obiettivi, seguire una politica per la qualità e una gestione aziendale conformi ai principi della norma UNI EN ISO 9001:2015 certificati da un Organismo di parte terza accreditato.

L’impegno della ricerca della soddisfazione degli utilizzatori dovrà essere mantenuto e migliorato nel rispetto delle norme applicabili, nel rispetto dell’ambiente e del rapporto etico e trasparente con il cliente.

La politica della qualità stabilita prevede in tutti i processi la pianificazione, l’ottimale esecuzione, il controllo, il monitoraggio e l’analisi finalizzata al miglioramento continuo. La revisione ed il riesame del sistema dovrà avvenire con cadenza almeno annuale, con l’intervento di tutte le funzioni interessate.

La responsabilità della tenuta sotto controllo del sistema in funzione della politica della qualità decisa è della Direzione con la collaborazione operativa del responsabile della qualità RSQ. Compito di RSQ, ai fini del rispetto della politica della qualità è quello di assicurarne la comunicazione, la consapevolezza e la comprensione a tutti i livelli.

La direzione è impegnata a ridefinire annualmente gli obiettivi per la qualità sulla base dei risultati e delle indicazioni fornite dal riesame.

Nella concezione del miglioramento continuo ECO CIS ha voluto implementare anche un sistema di gestione ambientale certificato secondo lo standard UNI EN ISO 14001:2015:

La Politica per l’Ambiente definisce gli obiettivi ed i principi d’azione della ECO CIS Srl nell’ambito delle proprie attività di “INTERMEDIAZIONE DI RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, senza detenzione”, nel rispetto dei requisiti ambientali e per la soddisfazione dei propri clienti .
L’Organizzazione intende pertanto perseguire una politica che, oltre a soddisfare i requisiti richiesti dai propri clienti, consideri la tutela dell’ambiente e delle risorse naturali come parte integrante del proprio processo di sviluppo, nel rispetto ed in armonia con i principi sanciti dalle norme comunitarie e nazionali a riguardo.
Al fine di garantire che l’attività dell’organizzazione sia svolta nella tutela dell’Ambiente, non solo in termini conservativi ma come valorizzazione dello stesso, la Direzione definisce come principi di riferimento della propria Politica Ambientale:

Obbiettivi per l’ambiente
L’organizzazione considera il proprio impegno in materia ambientale con eguale attenzione a tutte le altre esigenze di tipo gestionale-organizzativo.

Periodicamente e sistematicamente:

  • Pianifica e mette in atto gli obiettivi ambientali e i relativi traguardi;
  • Controlla con continuità l’andamento di tali programmi, apportando, se necessario,le opportune azioni correttive.

Impegno alla protezione dell’ambiente e al miglioramento
L’Organizzazione si impegna ad organizzare le proprie attività ottimizzandone la gestione ambientale in accordo al programma di miglioramento annuale; in particolare il proprio comportamento ecosostenibile indirizzerà tutta l’attività svolta in primis verso la politica del recupero piuttosto che dello smaltimento, laddove sarà possibile applicarlo. Saranno pertanto privilegiate soluzioni impiantistiche che attuano tale recupero nel rispetto del principio di prossimità e vicinanza.

Impegno a soddisfare i requisiti di qualità ambientale
L’organizzazione si impegna a comprendere le necessità dei clienti e pianifica le proprie attività per soddisfarle appieno. Allo stesso modo opera nel rispetto delle richieste e dei requisiti:

  • Del mercato di riferimento;
  • Del Paese in cui opera, adempiendo a leggi e regolamenti;
  • Di tutte le parti coinvolte nei propri processi critici

Impegno al rispetto della legge
L’Organizzazione nel rispetto di leggi, adempimenti, ordini e discipline ha come obiettivo primario la promozione dei livelli di qualità della vita umana, da realizzare attraverso la salvaguardia ed il miglioramento delle condizioni dell’ambiente e l’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali.

Comunicazione
L’organizzazione:

  • Ricerca un dialogo aperto con le parti interessate al fine di far comprendere gli impatti ambientali delle attività e I propri principi ambientali;
  • Tiene in considerazione le richieste dei dipendenti.

Coinvolgimento del personale e degli stakeholder
L’Organizzazione si impegna a rendere i propri dipendenti, collaboratori e tutte le parti interessate in genere, consapevoli dei rischi connessi con le attività operative al fine di metterli in condizione di operare responsabilmente e consapevolmente.

L’Organizzazione promuove lo sviluppo professionale mediante interventi formativi, addestramento e sensibilizzazione della propria forza lavoro rispetto alle tematiche della qualità e dell’ambiente.

La norma UNI EN ISO 9001:2015 applicata da entrambe le organizzazioni e la norma UNI EN ISO 14001:2015 applicata esclusivamente da ECO CIS, garantiscono un pieno controllo dei processi, dei rischi, delle opportunità aziendali e della gestione ambientale permettendo la prevenzione di anomalie ed il miglioramento continuo del servizio, ottimizzando i processi e valorizzando le risorse umane.

Livorno, 7 agosto 2019

direzione CIS
direzione ECO

Albo Gestori Ambientali

Cat. 8 b


ECO CIS srl è iscritta alla categoria 8 b dell’Albo Gestori Ambientali per la sua attività di intermediazione e commercio di rifiuti pericolosi e non pericolosi senza detenzione; tale categoria risulta in Italia operativa dal 18 febbraio 2011, a seguito della pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale n. 40/2011, del comunicato dell’Albo relativo all’emanazione della Deliberazione n. 1 del 19 gennaio 2011.

Con delibera n. 2 del 15 dicembre 2010 il Comitato Nazionale ha stabilito i criteri e i requisiti per l’iscrizione e con delibera n. 2 del 19 gennaio 2011 ha approvato il modello di domanda di iscrizione all’Albo; con delibera n. 2 del 30 aprile 2016 ha successivamente modificato i requisiti riguardanti i titoli di studio del Responsabile Tecnico.

La categoria 8 è suddivisa in classi in funzione delle tonnellate annue di rifiuti (non pericolosi e /o pericolosi) complessivamente intermediati.

Nel caso specifico, essendo in possesso della classe b, ECO CIS potrà intermediare fino ad un massimo di 200.000 tons/anno.

Come è noto, il ruolo fondamentale dell’ intermediario senza detenzione è quello di rappresentare l’anello di congiunzione tra gli attori principali di un ciclo di gestione del rifiuto, ovvero il produttore/detentore, ed il destinatario finale (smaltitore o recuperatore): egli, più precisamente, si adopera per assicurare al produttore la collocazione migliore, sia sotto il profilo tecnico, sia sotto il profilo economico, del carico di rifiuti da avviare a smaltimento o a recupero, se del caso anche fornendo un supporto di tipo consulenziale.